BACKDOOR

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

BACKDOOR, o la magia non lineare degli ultrasuoni

Una nuova straordinaria tecnologia è stata scoperta nel campo dell’elettronica per l’elaborazione dei segnali acustici. Allo stesso tempo, la novità rivela molte radici che risalgono a millenni – ma cercano di non parlarne …

Un nuovo sguardo alle cose famose

Negli ultimi giorni di giugno 2017, tra i paesaggi delle Cascate del Niagara, si è tenuto il prossimo convegno internazionale MobiSys 2017, che ogni anno riunisce rappresentanti della scienza e dell’industria impegnati nello sviluppo di una vasta area denominata “sistemi di comunicazioni mobili”.

Al termine di questo evento, come è consuetudine qui, una giuria speciale ha valutato criticamente tutte le relazioni fatte al convegno e ha scelto il migliore tra loro, contrassegnando l’opera con un premio onorario. Quest’anno, il vincitore è stato il lavoro chiamato ” backdoor: making microfoni per sentire i suoni inudibili ” (« BackDoor: Making Microphones Hear Sounds inaudible “, di Nirupam di Roy, di Haitham Hassanieh, Romit di Roy Choudhury , un PDF  ).

La caratteristica più notevole di questo studio, condotto dagli scienziati dell’Università dell’Illinois a Champagne-Urbana, può essere caratterizzata, secondo l’opinione dei colleghi, come una visione fondamentalmente nuova e originale delle proprietà non lineari delle apparecchiature di elaborazione del segnale audio.

Secondo i punti di vista generalmente accettati, la linearità di un segnale acustico, ovvero la capacità di riceverlo molto debolmente, per poi amplificarlo e trasmetterlo senza alcuna distorsione, è la condizione più importante per il funzionamento di alta qualità di qualsiasi apparecchiatura audio. Il comportamento non lineare di tali segnali, rispettivamente, è stato a lungo considerato un effetto estremamente indesiderabile che genera ogni tipo di distorsione e interferisce con la pura trasmissione del suono. Questo è il motivo per cui è consuetudine lottare con la non linearità in acustica e sopprimerla in ogni modo possibile.

Ora gli scienziati hanno sviluppato una metodologia speciale e progettato dispositivi che consentono di esaminare il problema in un modo fondamentalmente diverso, fornendo molte opportunità per estrarre tutti i tipi di benefici dalla non linearità. Formando con cura specifici segnali ultrasonici, i ricercatori hanno dimostrato un fenomeno inaspettato: i suoni generati in questo modo sono completamente inudibili dalle persone, ma allo stesso tempo sono ben registrati e registrati da microfoni convenzionali non modificati.

Una caratteristica così interessante della nuova acustica non lineare – rimanere sempre fuori portata d’orecchio per le persone, ma apparire chiaramente e ad alta voce nelle registrazioni audio – con un approccio creativo o commerciale al business, può essere incorporata in molte nuove applicazioni. Partendo da “filigrane” acustiche o comunicazioni audio impercettibili tra dispositivi dell ‘”Internet of Things” e terminando con la protezione ad ultrasuoni delle conversazioni riservate utilizzando il jamming impercettibile di tutti i dispositivi di intercettazione.

Ma gli aspetti più interessanti della nuova tecnologia sono quelli sui quali i suoi sviluppatori non dicono una parola. Tuttavia, è anche imperativo affrontare questi aspetti dell’innovazione. Perché qui ci sono davvero un sacco di tecnologie-predecessori concettualmente vicini e semplicemente ovviamente correlati.

La cosa più importante è che gli strati di interconnessioni non manifeste qui sono insolitamente ricchi e vanno in profondità nei millenni. Ebbene, la corretta padronanza di tutte queste cose ti consente di guardare in modo molto diverso non solo ai misteri della storia o ai segreti della struttura del nostro corpo, ma anche su un argomento molto più ampio – sulla mortalità del corpo e l’immortalità del coscienza umana …

"Ciò che ci ostacola ci aiuterà"

La prima cosa da sottolineare riguardo alle specificità della nuova tecnologia acustica elettronica, che i suoi autori per qualche motivo hanno deciso di chiamare il termine già ampiamente utilizzato BackDoor, sono le differenze significative tra il dispositivo di un apparecchio acustico naturale nell’uomo e il design caratteristiche dell’apparecchiatura di registrazione del suono.

Perché è proprio a causa di queste differenze nei dispositivi elettronici standard che esiste una possibilità fondamentale per l’elaborazione hardware di tali suoni che le persone – per motivi del dispositivo dei loro organi uditivi – non possono sentire, ma i normali microfoni li sentono bene e sono inclusi in l’immagine audio generale a parità di condizioni.

Ciò non è dovuto al fatto che il suono è troppo basso o si trova al limite estremo della gamma di frequenze accessibile agli esseri umani. I suoni generati dal dispositivo Backdoor hanno effettivamente una frequenza di 40 kilohertz e superiore. Cioè, stiamo parlando di frequenze che sono di gran lunga e completamente oltre i limiti di udibilità per l’orecchio umano, ma anche per la gamma tecnica dei microfoni.

Il trucco principale è che i microfoni, a causa del design dei loro diaframmi e degli amplificatori di potenza, hanno una proprietà intrinseca di non linearità. E proprio per questo, diventa possibile progettare artificialmente tali suoni che utilizzano efficacemente questa caratteristica dell’attrezzatura.

Se vai un po ‘più in profondità nei dettagli tecnici, gli sviluppatori di BackDoor modellano in modo speciale la frequenza e la fase dei segnali audio che vengono riprodotti attraverso altoparlanti ad ultrasuoni. Nella sua forma più semplice, il sistema BackDor emette due toni con frequenze di 40 kHz e 50 kHz. Quando, all’estremità ricevente, questi due toni vengono inviati insieme a un amplificatore di potenza del microfono, non solo vengono amplificati come previsto, ma anche moltiplicati a causa delle non linearità fondamentali di questo sistema.

La moltiplicazione delle frequenze f1 e f2 comporta la comparsa di componenti di frequenza aggiuntive del segnale o di frequenze di combinazione aventi, tra le altre cose, i valori (f1 – f2) e (f1 + f2). Il diaframma del microfono e il preamplificatore rispondono a tali componenti ad alta frequenza, ma un filtro passa-basso immediatamente dopo il preamplificatore elimina tutti i componenti non necessari sopra i 24 kilohertz.

Tuttavia, tenendo conto che in questo caso particolare, la differenza di frequenza (f1 – f2) significa 10 kilohertz, e questo valore risiede ovviamente nella gamma di frequenze operative del microfono, tale segnale passa inalterato attraverso un filtro passa basso ed è registrato dall’attrezzatura come un normale suono “utile”.

Diagramma che spiega l’effetto della comparsa di un ‘”ombra” nella gamma udibile.

In altre parole, quando questo tipo di ultrasuoni accoppiati all’estremità ricevente passa attraverso il circuito di amplificazione del segnale standard dalla membrana del microfono, viene generata una sorta di “ombra” a bassa frequenza nella gamma udibile per i suoni ad alta frequenza.

E sebbene solo il caso più banale di trasmissione – solo due toni su una coppia di frequenze vicine – sia stato analizzato in dettaglio nell’articolo dai ricercatori-sviluppatori, esperimenti hanno dimostrato che il sistema BackDoor ha anche la capacità di trasmettere informazioni attraverso questo canale . Cioè, nel trasmettitore, i segnali portanti possono essere modulati con dati significativi e quindi demodulati dopo aver ricevuto e registrato il segnale “ombra” attraverso il microfono.

 

Il punto di fondamentale importanza di questo trucco è che il microfono non richiede alcuna modifica e questo fatto consente di applicare con successo le funzionalità rivelate a tutti i miliardi di telefoni, tablet, laptop e dispositivi IoT già rilasciati.

L’orecchio umano, invece, lavora sulla base di “schemi biologici” sostanzialmente diversi e non mostra tali non linearità, filtrando completamente e immediatamente i suoni a frequenze di 40 kHz Ø 50 kHz …

Sarà più conveniente spiegare perché gli sviluppatori hanno chiamato il loro dispositivo “backdoor” proprio in fin dei conti. Ora è il momento di dare un quadro retrospettivo, da cui diventa chiaro quanto siano ricche e antiche le radici della tecnologia qui descritta.

Cinque anni prima

Dragos Ruiu

Il primo, probabilmente “contatto diretto” della comunità di sicurezza informatica aperta con tali programmi spia per computer, che sono in grado di rubare informazioni da sistemi isolati che non hanno mezzi di comunicazione in rete “attraverso l’aria” utilizzando ultrasuoni impercettibili, è stato notato in giro 2012. Ciò è avvenuto grazie alle ricerche del famoso hacker canadese Dragos Ruyu (vedi dettagli nel materiale ” BadBIOS, or Big Problems “).

Con sua grande sorpresa, Ruyu ha trovato una backdoor ultrasonica così insolita che viveva nei suoi computer. Dopo aver analizzato e studiato, per quanto possibile, un inquilino così inaspettato e i suoi numerosi parenti invisibili di malware, nell’autunno del 2013, l’hacker ha pubblicato questa spiacevole notizia su Internet. Questa notizia è stata spiacevole sotto tutti gli aspetti perché nessuno aveva pensato prima a tali minacce informatiche e quindi non ci sono mezzi per combattere questo tipo di spyware sul mercato.

Non ci si pensa, va sottolineato, solo nella comunità aperta della sicurezza informatica. Quanto ai ricercatori-hacker spia dei servizi segreti di intelligence, che preferiscono sempre tacere sui loro metodi di lavoro, non solo sono ben consapevoli da tempo di questi canali di compromesso, ma hanno sicuramente le patch software appropriate per organizzare “canali di accesso” ad ultrasuoni. (Per quanto ne sappiamo, le backdoor ultrasoniche non sono ancora state notate tra i programmi spia recentemente trapelati su Internet dagli hacker dalla NSA e dalla CIA statunitense, ma non è affatto un segreto che tali tecnologie siano state studiate e applicate. molto tempo tra scienziati-sviluppatori del complesso militare-industriale – di cui un po ‘più avanti).

Ma poiché nessuno ha visto alcuna prova documentaria dell’uso di tali apparecchiature speciali da parte dei moderni servizi di intelligence, la comunità della sicurezza informatica ha reagito inizialmente con grande sfiducia alle storie di Dragos Ruyu, per usare un eufemismo. Per dirla in modo più approssimativo, quando un noto hacker ha detto ai suoi colleghi che qualcuno sconosciuto aveva organizzato uno scambio impercettibile di pacchetti crittografati tra i suoi computer nella gamma acustica ultrasonica – attraverso altoparlanti e microfoni del laptop – allora molti hanno iniziato a deridere apertamente il Dragosh oberato di lavoro e il suo tetto andato.

Ben presto, però, il maleducato non fu una cosa da ridere – quando nel novembre 2013 sul Journal of Communications scientifico e tecnico internazionale, due seri e autorevoli ricercatori tedeschi del Fraunhofer Institute, Michael Hanshpach e Michael Goetz, pubblicarono un articolo
On hidden acoustic networks working through air ” (” On Covert Acoustical Mesh Networks in Air “, di M. Hanspach e M. Goetz , Journal of Communications, vol 8, no 11, pp 758-767, Nov 2013, arXiv: 1406.1213 ).

In questo lavoro, scienziati tedeschi competenti che lavorano professionalmente su problemi di argomenti correlati, sia da un punto di vista teorico che pratico, hanno confermato che per aggirare i mezzi standard di protezione di computer e reti, è del tutto possibile creare speciali canali di comunicazione nascosti – sulla base di comunicazioni di questo tipo che non possono non essere state previste nella progettazione dei sistemi informatici. Hanshpach e Götz, in particolare, hanno dimostrato la comunicazione tra diversi computer tramite un canale ultrasonico, utilizzando la modulazione / demodulazione dei segnali audio per comunicare via etere.

In contrasto con l’attuale lavoro dei ricercatori americani, incentrato sugli “ultrasuoni a distanza”, gli scienziati tedeschi hanno lavorato con gli ultrasuoni a una frequenza di 21 kHz, cioè al limite della gamma di frequenze operative delle apparecchiature audio standard.

E la tecnologia di comunicazione alla base del dispositivo tedesco è stata costruita sulla base di un sistema già esistente, originariamente sviluppato per comunicazioni subacquee affidabili utilizzate dalle forze navali. In effetti, gli scienziati hanno semplicemente adattato questo sistema di comunicazioni militari per formare un canale nascosto e impercettibile nell’aria per le persone che utilizzano la gamma di frequenza ultrasonica …

Cinquanta anni prima

Ovviamente la ricerca ravvicinata degli scienziati tedeschi (per non parlare delle analisi “pseudo-scientifiche” dell’hacker Ruiu) per qualche motivo nell’attuale lavoro sul dispositivo ad ultrasuoni BackDoor non viene menzionata una parola. D’altra parte, ci sono molti altri riferimenti a numerose pubblicazioni di predecessori, e si notano in particolare i lavori del “fondatore” dell’intera direzione scientifica dell’acustica non lineare, il fisico americano Peter Westervelt (1919-2015).

Fu con Westervelt, all’inizio degli anni ’50, caratteristica della stretta collaborazione con la Marina degli Stati Uniti, che è consuetudine associare la scoperta del fatto che le non linearità dell’acqua e dell’aria come mezzi di propagazione possono auto-demodulare i segnali in modo naturale. Sulla base di queste osservazioni, alla fine degli anni ’50, nacque un concetto molto fruttuoso di cosiddette antenne parametriche, in grado di diffondere il suono usando il suono e trasmettere e ricevere informazioni su lunghe distanze usando segnali nella gamma degli ultrasuoni.

Praticamente nello stesso periodo e indipendentemente dal lavoro di Westervelt in URSS, la teoria di un’antenna acustica parametrica fu creata da V.A. Zverev e A.I. Kalachev. Ma in più, contemporaneamente nel 1959, oltre ai fatti menzionati generalmente noti nella scienza ufficiale, si verificò un altro evento notevole, in qualche modo intricato connesso sia con la Russia che con la lingua tedesca, e con la registrazione di ultrasuoni impercettibili. segnali con apparecchiature elettroniche di registrazione del suono completamente ordinarie.

È da questo evento – i primi esperimenti dell’artista svedese Friedrich Jurgenson (1903-1987) con la registrazione del canto degli uccelli su un registratore a bobina recentemente acquisito – che è consuetudine contare la storia della nascita e dello sviluppo di ricerca “pseudoscientifica” molto specifica chiamata “Transcomunicazioni strumentali” o ITC, noto anche come “fenomeno della voce elettronica”.

I veri scienziati seri fino ad oggi categoricamente non vogliono percepire l’ITC come una vera scienza, per il motivo che i ricercatori in questo settore hanno creato e migliorato vari dispositivi elettronici per la comunicazione con l’altro mondo per mezzo secolo. O, in altre parole, per la comunicazione con abitanti loquaci di quegli strati di realtà che, secondo la convinzione della seria scienza ufficiale, in linea di principio non esistono …

Comunque sia, la nostra storia non può fare a meno del “padre dell’ITK” Friedrich Jurgenson, nato nella città di Odessa dell’Impero russo nel 1903 e sin dalla prima infanzia parlava russo e tedesco come suoi. Il successivo ampliamento del multilinguismo del poliglotta ha giocato un ruolo importante nel decifrare le “transcomunicazioni”. Soprattutto all’inizio, quando nel 1959, invece del canto degli uccelli, Jurgenson scoprì per la prima volta nelle registrazioni su nastro una strana interferenza da rumore, che si sovrapponeva al mormorio indistinto di qualcuno in diverse lingue.

Qui, ovviamente, non c’è assolutamente posto per una storia dettagliata su quando e come l’artista si è reso conto che la sua attrezzatura per qualche motivo ha iniziato a registrare voci dall’altro mondo. E perché si è assicurato assolutamente di questo fatto quando ha sentito la voce della madre recentemente deceduta che si rivolgeva a lui dal registratore. Tutte queste cose sono descritte in dettaglio nel libro di Jurgenson ” Comunicazioni radio con i morti “, pubblicato per la prima volta nel 1967 e da allora tradotto in molte lingue, incluso il russo.

 

Konstantin Raudiv (1909-1974), scrittore e filosofo di origine lettone, fluente anche in molte lingue diverse, divenne uno dei successori più attivi delle “trans-comunicazioni strumentali” iniziate dal libro, dalle conferenze, dai programmi e dai film di Jurgenson. Da quando Raudive alla fine trovò la sua casa e rifugio in Germania, il suo primo libro sulle sue indagini sull’ITC fu pubblicato in tedesco nel 1968, conteneva una registrazione su nastro di voci dell’altro mondo nell’applicazione ed era intitolato ” Unhörbares wird hörbar “, vale a dire, “L’inudibile diventa udibile” (ha senso confrontare questo titolo con il titolo di un articolo di scienziati dell’Università dell’Illinois pubblicato ora, mezzo secolo dopo).

Negli anni e nei decenni trascorsi da allora, il campo della ricerca ITC ha trovato molte migliaia di seguaci e appassionati in vari paesi del mondo, inclusa la Russia. Per una nuova comunicazione tecnica, e non spiritualistica tradizionale – attraverso intermediari-medium – con l’altro lato della realtà, sono stati inventati molti dispositivi diversi con qualità di comunicazione significativamente diverse. Ma nonostante il fatto che l’effettivo fenomeno della comparsa di voci dal suono strano su un nastro magnetico o su altri supporti non possa essere negato anche con la più rigorosa verifica scientifica, la scienza ufficiale non vuole categoricamente studiare il fenomeno.

 

La spiegazione di questo può essere facilmente trovata nel relativo articolo di Wikipedia, chiamato fenomeno della voce elettronica , o fenomeno della voce elettronica . Più o meno come nella situazione con gli UFO, gli scienziati qui sono pronti a dare al fenomeno qualsiasi – anche la più ridicola – spiegazioni “usuali”, dalla “proiezione” dei pensieri dei ricercatori su supporti di informazioni solidi al riflesso di segnali radio attraverso il passaggio di meteore. , solo per non ammettere che strane voci possano provenire da persone ritenute morte. In altre parole, sono già inesistenti per la scienza.

Ma la cosa più notevole negli articoli di Wikipedia (che riflettono le idee consolidate e generalmente accettate dell’umanità su tutto nel mondo) non è ciò che è scritto lì, ma ciò che è accuratamente omesso lì. Perché fatti così attendibili, che contraddicono chiaramente il punto di vista generalmente accettato, non entrano regolarmente e sistematicamente nell’enciclopedia nazionale, ma è impossibile confutarli in alcun modo. Per questo motivo, questi fatti vengono semplicemente ignorati, come se non esistessero affatto …

 

Nello specifico, nel caso della copertura del “fenomeno della voce elettronica”, questo approccio porta al fatto che tra i tanti, molte decine di milioni di articoli di Wikipedia che raccontano tutto il mondo in tutte le possibili lingue del pianeta , NON si trova una SINGOLA menzione di un uomo di nome Hans Otto König.

E sembra estremamente strano, dal momento che in una comunità internazionale molto ampia di appassionati di ITC, l’ingegnere e designer tedesco Hans Otto Koenig è famoso come uno specialista particolarmente autorevole che, in mezzo secolo quasi mezzo secolo di ricerca, ha creato un numero di dispositivi per la transcomunicazione con la massima qualità di ricezione e registrazione dei segnali, non solo in audio, ma anche in gamme video.

In russo, informazioni informative su Koenig e il suo apparato possono essere trovate nel libro di revisione tradotto della giornalista tedesca Hildegard Schaefer “ The Bridge Between Worlds. Teoria e pratica della comunicazione elettronica con il mondo sottile “.

I successi di progettazione di Koenig sono dovuti al fatto che si è interessato al fenomeno nella sua quarta decade, essendo già uno specialista professionista esperto nel campo dell’acustica elettronica. Per questo motivo, l’ingegnere iniziò piuttosto rapidamente a impegnarsi non in esperimenti amatoriali casuali con un registratore, ma in modifiche e regolazioni di tali circuiti elettronici che conosceva meglio per professione: circuiti per lavorare con l’acustica ultrasonica. Per qualche ragione, Koenig scelse come portante anche la già familiare frequenza di circa 50 kilohertz – e infatti iniziò immediatamente a ricevere registrazioni distinte di voci “dall’altra parte”.

 

Le caratteristiche più notevoli del lavoro di Koenig sono le seguenti. Secondo la sua convinzione ed esperienza, la chiave del successo è la selezione più accurata delle frequenze di risonanza che forniscono la massima qualità di ricezione. Per questo motivo, è costantemente impegnato a modificare le apparecchiature e ad aggiungervi nuovi elementi strutturali, informazioni sulle quali Koenig riceve spesso in sogno – dai partecipanti attivi agli esperimenti “dall’altra parte”.

(Come negli esperimenti intensivi centenari della BOPI, la British Society for Psychological Research, che comunicava sistematicamente con i “morti” tramite medium, soprattutto ricercatori attivi del fenomeno, qui, dopo la loro morte in un corpo denso, continuare a lavorare allo sviluppo delle transcomunicazioni, ma solo dall’altro canale finale.)

In particolare, su consiglio di specialisti “da lì”, negli anni 2000, Koenig ha sviluppato un progetto sostanzialmente nuovo di un “dispositivo complesso” elettronico basato su cristalli di quarzo, che vengono irradiati con luce ultravioletta. L’autore stesso chiama il suo apparato HRS o Hyper-Spatial System nella traduzione in russo, tuttavia, gli elementi di base al centro del lavoro di questo tipo di “telefono” (solo senza elettronica) sono facili da trovare in strutture massicciamente costruite dalle persone nell’antichità – molti secoli aC.

Cinquemila anni prima

Tra i tanti segreti e misteri nella storia dell’umanità, ce n’è uno estremamente antico e difficile, chiamato “antiche strutture megalitiche”. Nessuno degli storici e scienziati fino ad oggi può spiegare chiaramente e in modo convincente perché i nostri antenati preistorici, che non avevano ancora raggiunto il livello di civiltà, eressero strutture ciclopiche da pietre monolitiche multi-ton in abbondanza e con invidiabile persistenza in varie parti del pianeta .

D’altra parte, spiegazioni intelligibili e tecnicamente convincenti per questo indovinello sono disponibili dai cosiddetti “pseudo-scienziati” coinvolti nello sviluppo delle transcomunicazioni strumentali con l’altro mondo. Secondo i risultati degli studi tecnici, in tutte le strutture conosciute di megaliti – dolmen, menhir, cromlech – vengono sicuramente utilizzate pietre multi-ton, contenenti un’elevata percentuale di cristalli di quarzo. Cioè, un minerale con un effetto piezoelettrico fortemente pronunciato, o altrimenti, le proprietà di convertire le oscillazioni di energia di un tipo in oscillazioni-segnali di un altro tipo.

Le principali configurazioni dei megaliti – complessi di molti “pilastri” – mengir o “case” indipendenti – dolmen – c’è motivo di interpretarli come antenne del tipo a matrice di fase (menhir) o risonatori di Helmholtz (dolmen). 

Per aumentare l’effetto piezoelettrico che genera gli ultrasuoni sotto l’azione dei raggi solari, vengono sovrapposti blocchi multi-tono (come nei dolmen e cromlech) o installati verticalmente in un’estremità più stretta (che è estremamente illogico dal punto di vista di stabilità, ma saggio dal punto di vista della fisica delle comunicazioni) …

 In breve, da un punto di vista tecnico, le strutture megalitiche sono dispositivi per ricevere e demodulare onde di una gamma di frequenze in onde di un’altra frequenza – in suoni udibili dall’orecchio umano. In altre parole, i megaliti sono essenzialmente qualcosa come “telefoni fissi” che i nostri antenati in diverse parti del pianeta usavano in massa per comunicare con l’altro mondo di antenati e spiriti.

E questa idea non sembra affatto una vaga speculazione di sognatori, dal momento che ci sono conferme indirette di ciò sia negli studi di antropologi che studiano culture primitive sia negli esperimenti di scienziati seri che studiano i circuiti dei megaliti e gli spettri di frequenza insoliti delle radiazioni. intorno a queste antiche strutture.

È solo che le informazioni sui megaliti come luogo di comunicazione con gli “dei” e gli spiriti degli antenati sono ben note tra gli antropologi e i fatti sugli spettri insoliti di radiazioni negli stessi luoghi non sono stati a lungo un segreto per ingegneri e scienziati che li studiano.

Ma solo gli appassionati della trans-comunicazione strumentale hanno il coraggio di combinare questi fatti indiscutibili in un insieme coerente, comprensibile e utile. 

Tuttavia, tutto il resto – razionale e moderno – le persone preferiscono considerarli o un po ‘pazzi, o molto folli …

Perché è "BACKDOOR" dopo tutto?

Quando nelle attuali notizie sulla tecnologia dell’informazione c’era un messaggio sulla conferenza MobiSys e sull’interessante lavoro innovativo degli scienziati, contrassegnato da un premio al forum, molti specialisti della sicurezza informatica all’inizio hanno chiaramente frainteso il nome della nuova tecnologia – BackDoor.

Per i professionisti nel campo della sicurezza informatica, questo termine ha a lungo e saldamente radicato il significato di una tecnologia spia molto specifica, che fornisce ai monitor una “porta di servizio” o un’intelligente scappatoia nascosta per accedere ai dati della vittima.

Ora i ricercatori, che hanno dimostrato un approccio diverso alle applicazioni dell’acustica non lineare e degli ultrasuoni, simultaneamente per qualche motivo hanno deciso di dare un nuovo significato al termine comune già esistente. Come hanno spiegato gli inventori, hanno chiamato la loro tecnologia BackDoor, perché fornisce un “passaggio” per ultrasuoni impercettibili in qualsiasi apparecchiatura standard – perché può essere facilmente utilizzata con i microfoni di tutti i dispositivi, dagli smartphone agli apparecchi acustici, senza alcuna modifica nei loro circuiti …

Più di mezzo secolo fa, quando nacque la direzione di ricerca chiamata ITC, i suoi appassionati furono sorpresi di scoprire, in effetti, la stessa cosa. Che i registratori, le radio e i televisori domestici, e in seguito i fax, i computer e così via, in determinate condizioni, possano agire come dispositivi di comunicazione con l’altro lato della realtà. O altrimenti, fungere da “porta di servizio” per la comunicazione con l ‘”altra parte”.

Nel titolo del sito web di Hans Otto König , specialista in acustica ad ultrasuoni e uno dei ricercatori tecnicamente più avanzati di Trans-Comunicazione Strumentale, la seguente frase è pubblicata come epigrafe, che è stata adottata dalla sua attrezzatura dall ‘”altra parte “Nel 1990:

Ascolta, molte persone credono ma non sanno che non esiste la morte! C’è solo vita: interconnessa, eterna. Tutto è una trasformazione (di alcune forme di coscienza in altre).

Fino ad oggi, i ricercatori della scienza ufficiale e i ricercatori dell’ITC esistono e lavorano come se fossero in mondi paralleli, praticamente senza interferire l’uno con l’altro. Ora, con l’apparizione della nuova tecnologia BackDoor tra gli “scienziati seri”, una reale opportunità per riunire mondi paralleli in un insieme armonioso è diventata abbastanza chiara.

Ma scienziati e ingegneri vorranno sfruttare questa opportunità? – la domanda, ovviamente, è molto interessante …

Iscriviti per ricevere le nostre notizie

Se caso mai scriveremo qualcosa...

Esplora altro

Pettinatura

Stiamo pettinando il nostro sito

Purtroppo i vari aggiornamenti hanno stravolto le pagine del nostro sito. E quindi dobbiamo cambiare la veste grafica.

Torna quando vuoi per vedere come viene. Ciao. Grazie